Borgo S. Lorenzo Dalla Lega resoconto in “soggettiva” del Consiglio comunale

Condividi:
I consiglieri borghigiani della Lega, Atria e Ticci, hanno diffuso il loro resoconto del Consiglio comunale dello scorso 12 marzo, riportando in particolare discussioni e decisioni che li hanno maggiormente coinvolti.

– “Interrogazione sull’impianto eolico di Villore in corso d’approvazione in Regione la risposta fornita dall’Assessore Timpanelli era apparsa come una vera apertura verso chi, come noi, sta ponendo da tempo dubbi su questo tipo d’impianto il quale genererebbe gravi ripercussioni su tutto il territorio. Notando l’apertura abbiamo presentato una Risoluzione che chiedeva di esprimere paree contrario in Conferenza dei Servizi che è stata votata da tutte le forze di opposizione. Del
resto se il Parere della Sovrintendenza è completamente negativo un motivo ci sarà.
Ma il PD come sempre predica bene e razzola male e così, tra un’uscita dall’aula virtuale e qualche astensione in maggioranza, vota contro in barba alle belle parole con cui qualcuno affermava tempo fa, ovvero che il Comune mira
all’innalzamento della qualità della vita dei cittadini anche attraverso una politica ambientale attenta alla conservazione del territorio, all’incentivazione di forme di turismo compatibili con il contesto paesaggistico locale e al biologico come
sistema di vita. Come sempre quando si tratta di fatti e non più di tante belle parole l’amministrazione borghigiana mostra il suo vero volto: molto grey e poco green.
– La gestione delle pagine social del Comune Circa la nostra interpellanza a riguardo delle pagine social del Comune e sul sito ufficiale dalla risposta dell’assessore Galeotti è emersa la volontà politica di non redigere un regolamento che determini la gestione dei social. Queste funzionano diversamente poiché la pagina Facebook condivide informazioni di pubblico interesse alla cittadinanza mentre la pagina social Instagram, gestita da Filo, pare una brutta copia di una normale pagina di una
Proloco; pochi sono i riferimenti agli eventi comunali, molti altri (soprattutto nelle storie) sono i Tag di persone (per lo più di consiglieri e assessori di maggioranza); giratine e passeggiate nella natura o nel centro di Borgo San Lorenzo. Sono
anch’esse di interesse pubblico?! Pensiamo di no. Vorremmo che le pagine social, mirate ad una cerchia per lo più giovanile, siano un mezzo comunicativo per segnalazioni, eventi e aggiornamenti sanitari in loco e non una pagina fine a se stessa o ancor peggio alla propaganda elettorale monocolore.
– Messa in sicurezza dell’attraversamento Faentina a Ronta Abbiamo assistito all’ennesima scossata di spalle e scaricabarile in merito alla competenza della Città Metropolitana come se i cittadini non sapessero che è sempre la stessa parte politica. In realtà forse considerano il Mugello più come “contado” ed i cittadini come bacino sicuro di voti da coinvolgere con le stesse promesse solo in occasione delle giratine elettorali di qualche sindaco o assessore regionale fiorentino. Sarebbe l’ora di contare qualcosa in più della sola presenza nei tavoli fiorentini.
– Il dissesto della strada per Luco La “strada più brutta del mondo” (la strada per Luco) non s’ha da fare. Perché se
da una parte mancano purtroppo le risorse dall’altra, per detta dell’Assessore Baggiani, su quella strada <<succedono pochi incidenti>>. Queste le sue parole alle quali abbiamo replicato ricordando che gli incidenti censiti (un solo incidente)
sono solo quelli in cui viene richiesto l’intervento e non tutti gli altri compresi quelli con contestazione amichevole. Riteniamo che non può essere un termine di paragone il raffronto solo su n° di morti e incidenti. Altrimenti Montepulico o
Casaglia avrebbero strade bianche ancora oggi. Del resto è sempre meglio prevenire che curare, per non arrivare a dover piangere sul latte versato.
– Ordini del giorno Sugli ODG abbiamo espresso voti favorevoli con contributi e analisi in merito,  – concludono Ticci e Atria – ma siamo in attesa della VAR (o della moviola) perché sono accadute cose molto gravi in merito a talune affermazioni e accuse oltre che una vera e propria censura all’opposizione alla quale è stata impedita l’esposizione di un atto importante. Dalla mascherina al bavaglio è un attimo. Ma la libertà prevarrà sempre, statene certi”.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register