Borgo S. Lorenzo – Ufficio INPS un’altra volta a rischio chiusura

Condividi:
La CGIL lancia l’allarme sul rischio chiusura dell’Ufficio Inps di Borgo San Lorenzo.

 

Non possiamo permettercelo, basta col tagliare servizi a un territorio già penalizzato – scrive Cammelli della CGIL –  E’ sconcertante che un ente statale non si ritenga in grado di garantire ai propri dipendenti una corretta profilassi per affrontare questa pandemia, che non sia la semplice chiusura degli sportelli o uno smart working generalizzato”. 

L’Inps è un Ente dello Stato di particolare importanza per tutti, – prosegue il sindacalista – ma proprio tutti, i cittadini. Tutti perché le lavoratrici e i lavoratori che prestano la loro opera, in ogni settore e con ogni qualifica all’interno dell’ente, rispondono a tante domande che interessano tutto l’arco della vita: dal bonus bebè all’assegno ai superstiti, passando per le liquidazioni di pensioni o di periodi di malattia… Per non parlare di tutta la partita del sostegno al reddito, che in questo periodo di pandemia ha assunto un’importanza strategica per una larga parte di cittadini e per la società tutta.

PUBBLICITÀ

Ed è proprio per questi ruoli di particolare importanza che crediamo indispensabile il radicamento dei suoi uffici sul territorio, a partire da quelle aree interne – il Mugello lo è – dove è più difficile raggiungere i grandi centri, vuoi per la distanza, vuoi per carenze nei servizi di trasporto pubblico locale.

A fronte di tutto ciò, c’è la nostra preoccupazione sul destino degli uffici Inps di Borgo San Lorenzo che lavorano per Mugello e Alto Mugello.

Sappiamo che alcune lavorazioni non vengono più effettuate in questa sede, ma spedite a Firenze perché a Borgo S. Lorenzo sono rimasti solo 6 (sei) operatori più il direttore, di 13 (tredici) che erano solo qualche anno fa! Se, come previsto, nei prossimi mesi qualcuno di questi dipendenti cesserà il servizio, il rischio di chiusura sarà concreto. Non possiamo permettercelo.

Questo territorio ha già perso servizi importanti per i cittadini, pensiamo al presidio Inail o al Giudice di Pace: non vogliamo che sia ulteriormente depauperato di servizi che lo Stato è tenuto ad erogare per i propri cittadini.

Sappiamo che l’incredibile prolungarsi della chiusura al pubblico delle sedi,  – conclude Cammellidovuta ad una miope gestione dei tempi e degli spazi di lavoro, su cui i dipendenti, con le loro rappresentanze sindacali, non hanno potuto incidere in alcun modo ha comunque consentito di portare avanti le pratiche richieste.

E’ in ogni caso sconcertante che un ente statale non si ritenga in grado di garantire ai propri dipendenti una corretta profilassi per affrontare questo virus, che non sia la semplice chiusura degli sportelli o uno smart working generalizzato, misure che hanno reso difficile il rapporto diretto con i cittadini utenti”.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register