Pulli di rondine nel nido

Borgo San Lorenzo – Al Liceo studiano rondini, rondoni e balestrucci

Condividi:
Classe 3C IIS “Giotto Ulivi” Borgo San Lorenzo 10.05.2021

Classe 3C IIS “Giotto Ulivi” Borgo San Lorenzo 10.05.2021

Dallo scorso mese di aprile è stato attivato il progetto PCTO “Alla scoperta dell’avifauna di Borgo San Lorenzo”, che ha impegnato la classe 3C liceo scientifico – opzione scienze applicate per l’a.s. 2020-21 e che prosegue con la 4C nel corrente a.s. 2021-22.

 

Il progetto, frutto della collaborazione tra l’IIS “Giotto Ulivi” ed il Comune di Borgo San Lorenzo, con il sostegno economico anche del BCC Banco Fiorentino, prevede la realizzazione di un primo studio dell’avifauna nidificante e svernante nel territorio urbano del Comune di Borgo San Lorenzo.

Balestruccio in uscita dal nido in costruzione

Balestruccio in uscita dal nido in costruzione (Borgo San Lorenzo) 28.5.2021 foto di Ennio Gualandi

Si è iniziato con il censimento dei nidi delle specie balestruccio, rondone comune e rondine, con passaggi ripetuti delle squadre di alunni, a piedi lungo le vie del centro urbano di Borgo San Lorenzo e dintorni, nei mesi di maggio e giugno.

Antica rondonara da 28 nidi a Panicaglia

Antica rondonara da 28 nidi della famiglia Morolli a Panicaglia (Borgo San Lorenzo) 18.5.2021 foto di Luigi Cenerelli

Questa fase del progetto è stata realizzata con il supporto scientifico del dott. Mauro Ferri, dell’associazione “Monumenti Vivi” di Torino https://www.monumentivivi.it, che da molti anni studia e valorizza la biodiversità urbana, identificando e certificando gli edifici (palazzi monumentali, chiese, torri, campanili, varie altre costruzioni) utilizzati dalle specie come sito riproduttivo o come area di rifugio.

 

Complessivamente sono stati censiti:

 

– per la specie balestruccio (Delichon urbicum) n. 44 siti di nidificazione con un totale di 130 nidi, a cui aggiungere la segnalazione del sito presso il Santuario della Madonna dei Tre Fiumi a Ronta con 10 nidi;

 

– per la specie rondone comune (Apus apus) n. 1 sito di nidificazione con un totale di 28 nidi artificiali: si tratta dell’antica rondonara della famiglia Morolli a Panicaglia, ancora attiva ai soli fini di studio della nidificazione e riproduzione del rondone comune. Questa rondonara sarà oggetto di ulteriori studi nel corso del progetto, anche in collaborazione con ricercatori universitari;

 

– per la specie rondine (Hirundo rustica) n. 1 sito di nidificazione con un totale di 1 nido.

 

I risultati del lavoro di censimento sono stati raccolti su una dettagliata mappa digitale visibile al link

PUBBLICITÀ

 

https://www.google.com/maps/d/edit?mid=181NsCpSNLtpofQthRhPLddie8qeVissf&usp=sharing

 

e sul sito di “Monumenti Vivi” al link

 

http://www.monumentivivi.it/dove-sono-cartografia/

 

Nel prossimo autunno il progetto proseguirà con la realizzazione da parte degli alunni di mangiatoie in legno per piccoli uccelli da posizionare nelle aree verdi e con il censimento delle principali specie svernanti.

 

Si invita la cittadinanza a continuare a collaborare attivamente al progetto, segnalando la presenza dei nidi delle tre specie indicate a museonaturalistico@giottoulivi.edu.it

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register