Risposta Ministero Interno

Borgo San Lorenzo – “Irregolarità in Consiglio” Il Ministero dà ragione ai consiglieri della Lega

Condividi:

«Una nota congiunta del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Firenze avvalora ancor di più la ragione dei consiglieri in merito all’atteggiamento posto dalla Giunta e dalla Presidente del Consiglio. – scrivono Atria e Ticci – Stiamo parlando di diritti, di rispetto dei regolamenti, di norme nazionali, ma  soprattutto di democrazia.

 

Abbiamo cercato un confronto provando a spiegare le nostre ragioni supportate sempre da un quadro normativo che dovrebbe essere perlomeno conosciuto, oltre che rispettato, anche da chi amministra e compone il consiglio.

PUBBLICITÀ

 

Ma non siamo (mai) stati ascoltati, anzi spesso siamo stati etichettati come “contenitore dai contenuti sbagliati”, “benaltristi” e che addirittura “lasciano morire la gente in mare”.

 

La segnalazione all’Autorità garante e competente non è stata altro che la diretta conseguenza dell’incapacità di questa maggioranza di autocritica, ascolto e confronto.

 

Prefettura e Ministero dell’Interno, dopo aver aperto un fascicolo, si sono espressi: una “pietra tombale”. E’ ben chiaro che fin dall’inizio da parte della maggioranza (e pseudo giornalismo) c’è stato un tentativo di mettere a tacere un certo tipo di opposizione che fa il proprio lavoro proponendo, ascoltando, contribuendo, cercando di fornire soluzioni concrete a problemi reali.

 

A differenza di altri non chiediamo nessuna “dimissione” ma piuttosto invitiamo tutti i consiglieri e i cittadini a fare una profonda “riflessione” .

 

Dove davvero siedono coloro che gridano democrazia, libertà, rispetto, diritti?

 

Qualche settimana fa si è riunita finalmente la commissione dove abbiamo notato comprensione e apertura da parte degli addetti ai lavori.

 

Speriamo che sia un nuovo inizio perché tutti possono sbagliare, basta avere l’umiltà di capirlo e adoperarsi per rimediare. – concludono i consiglieri della Lega – Questa è una battaglia vinta per il rispetto dei diritti che abbiamo fatto da soli ma per tutti coloro che sono e che saranno consiglieri chiamati a rappresentare i borghigiani».

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register