Nicola Porro

Borgo San Lorenzo – La risposta del Sindaco Omoboni a Porro

Condividi:

Il Sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni, replica alla presa di posizione del giornalista Porro.

 

Caro dott. Porro, il suo anatema contro di me è un motivo di orgoglio. Lo dico senza ironia.

Sa perché? Perché domani si celebra il 25 aprile e ho capito ancora una volta quanto i metodi di un tempo passato continuino a circolare, soprattutto in rete.

Qualche “riferimento” locale (magari noto per prese di posizioni forti su bambini stranieri all’asilo e scuola paragonata a Aushwitz) le passa una notizia.
La notizia viene presa senza approfondire e si confeziona un titolo che non c’entra nulla. Partono gli attacchi al profilo social (“ora ti rimettono a posto” era uno dei commenti più fini ed equilibrati), tralasciando i commenti aberranti sul suo post.

Le consiglio, Porro, di leggere l’ordinanza e le ragioni dell’ordinanza, che ho spiegato bene a chi voleva ascoltare, comprese le associazioni di categoria che hanno espresso apprezzamento. Ripartire e difendere chi apre dopo tanto tempo (proprio e soprattutto i ristoratori che se vorranno, possono avere suolo gratis in più per i tavoli) e trovare una soluzione, affinché nei prossimi mesi tutti possano lavorare e divertirsi, tutelando la salute di tutti.

Sa cosa Porro?

Quella misura che ho preso non piace a tutti. Lo so. Molti la criticano. Apertamente, duramente.

Ma almeno sono persone del mio paese, un paese dove magari ci si “sfoga“, ma alla fine la volontà di trovare una soluzione si trova sempre.

PUBBLICITÀ

Non sono delle “squadre” virtuali che si muovono dove li porta l’odio della cattiva informazione.

Buon 25 aprile, dott. Porro.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register