PUBBLICITÀ

Twitter feed

It seams that you haven't connected with your Twitter account

Borgo San Lorenzo – Nuovo caso di combustione illecita di rifiuti: due denunciati

Condividi:

Colti sul fatto dai Carabinieri Forestali: “In Toscana fenomeno in aumento” Ecco le FOTO

 

Stavolta l’attualità riguarda Borgo San Lorenzo. Perché i Carabinieri Forestali della stazione borghigiana, in un normale servizio sul territorio, hanno notato una colonna di fumo provenire dall’area adibita a magazzino di un’impresa edile di Borgo. All’interno del cantiere c’erano due cumuli di rifiuti speciali derivanti da lavori edili che stavano bruciando e sprigionavano fumi di odore acre, tipico della combustione di plastiche. Tra i rifiuti che stavano ardendo, infissi verniciati, imballaggi in cartone e carta, materiale plastico e polistirolo. Al di sopra dei cumuli erano stati posizionati residui vegetali. Sul posto era presente un soggetto che stava smontando degli infissi della stessa tipologia di quelli che stavano ardendo e di quelli presenti in un altro cumulo di rifiuti posto in prossimità dei focolai. Sempre in prossimità dei focolai vi era una grossa quantità di rifiuti misti derivanti dall’attività di demolizione edile per una quantità di circa 20 quintali. Nell’area di magazzino della ditta c’era lo stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi derivanti da lavori edili. I rifiuti erano stoccati in parte al suolo, in parte all’interno di imballaggi e in parte all’interno di big bags: non erano etichettati e non erano stoccati secondo i principi normativi (rifiuti pericolosi esposti agli agenti atmosferici e non contenuti negli appositi contenitori). I Carabinieri Forestali hanno quindi contattato il titolare della ditta che dopo pochi minuti è giunto sul posto e non ha fornito la documentazione relativa alla tracciabilità degli stessi, perché sprovvisto, riferendo di non essere in possesso di autorizzazione allo stoccaggio dei rifiuti. I militari hanno riscontrato che parte dei rifiuti non erano protetti dagli agenti atmosferici e lo stoccaggio avveniva su un piazzale non impermeabilizzato privo di un sistema di raccolta delle acque.

 

Il titolare della ditta edile ed un altro soggetto sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria in violazione del Testo Unico Ambientale, per Gestione illecita di Rifiuti Speciali Pericolosi e non pericolosi e Smaltimento Illecito di rifiuti mediante combustione. Il cantiere ed i rifiuti sono stati sottoposti a sequestro penale dei corpi di reato e/o cose pertinenti il reato stesso, ritenuti necessari per l’accertamento dei fatti.

 

I Carabinieri Forestali ricordano che l’introduzione nel 2014 del reato di “combustione illecita di rifiuti”, inserito come art. 256 bis nel Codice dell’Ambiente (D.lgs 152 del 2006) ha lo scopo di porre un argine al drammatico fenomeno dei roghi di rifiuti, e affrontare l’incresciosa situazione di degrado ambientale e sanitario che affligge quella porzione di territorio nazionale ormai tristemente nota con l’appellativo di ‘Terra dei fuochi’. Dare fuoco ai rifiuti abbandonati è una condotta criminosa che, se pur non ancora a livelli di emergenza sociale, è aumentata negli ultimi anni anche in Toscana. Tale prassi desta preoccupazione nella misura in cui diventa una modalità di smaltimento di rifiuti non solo da parte di privati incauti o sprovveduti, ma anche di ditte che trattano ingenti quantitativi di materiali, pericolosi e non, considerati gli effetti nocivi a breve e lungo termine sull’ambiente”.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

 

© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register