Dario Biagioni, artigiano mugellano

Dario Biagioni con le “Patine antiche” dal Mugello a Sidney

Condividi:

La Nazione di ieri, sabato 24 aprile, ha dedicato un lungo articolo a Dario Biagioni, artigiano mugellano che ha portato a Sidney in Australia un container di mobili decorati con la “sua” tecnica della “Patina Antica”.

 

Ieri 24 aprile la Nazione ha dedicato un lungo articolo a Dario Biagioni, artigiano mugellano che ha portato a Sidney in Australia un container di mobili decorati con la “sua” tecnica della “Patina Antica”.

Dario è un artigiano, ma anche un divulgatore, conoscitore di internet e dei social.

E’ proprio attraverso i social ha contattato tanti allievi in Italia e in Europa che l’hanno raggiunto nel suo laboratorio, nella campagna di Borgo, dove tiene corsi, frequentatissimi, di decorazione e patinatura.

E’ meglio dire teneva perché da un anno il Covid ha trattenuto gli allievi e i corsi si son dovuti fermare. Ma Dario non si è fermato e dall’Australia gli è arrivata una mail per richiedere i suoi mobili che continua a esporre nella sua vetrina in Internet.

PUBBLICITÀ

I miei mobili in questo preciso momento – ha raccontato Dario a La Nazionesono già in viaggio, su dei container in Inghilterra, in attesa di arrivare a Sydney. Ho contatti e richieste dal Texas, come da vari altri Paesi, che bussano direttamente alla mia bottega dopo aver visto in miei lavori sui social”.

E proprio da Facebook arriva un importante riconoscimento: l’essere stato inserito tra i 100 community Leaders Network a livello italiano.

Nel 2016 mi contattò l’hotel Ritz di Parigi, – racconta ancora Dario – dove in occasione della riapertura, un noto chef, voleva delle pale da forno di legno per portare il pane in tavola in una maniera un po’ speciale: le feci in noce intagliate a mano rifinite in ottone. Realizzai anche dei taglieri rifiniti in ottone per portare la bistecca e tagliarla al tavolo. Mi fece molto piacere il fatto che un grande nome come il Ritz potesse venire a cercare un artigiano del Mugello, dove l’artigianato viene ancora praticato”.

La mia è una realtà artigianale piccola e così voglio rimanga– conclude Dario -. È una mia scelta precisa. È e deve rimanere un’impresa a livello familiare: mia moglie Maya, mia figlia Mila e Eva mi aiutano nelle pratiche, nelle mail, nelle telefonate, nel disbrigo degli ordini internazionali”.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register