Il Bardiccio_2

Dicomano – La “Disfida del Bardiccio”: le info per iscriversi

Condividi:

Domenica 10 ottobre dalle ore 15 in piazza Buonamici: il vincitore si aggiudicherà il Palio 2021 dell’artista Sandra Ferroni

 

Siete pronti a vivere la Fiera d’Ottobre a Dicomano? Dovrete attendere il prossimo 9 e 10 ottobre. Inoltre dopo il grande successo riscosso nel 2019 torna la seconda edizione della “Disfida del Bardiccio” dedicata proprio alla salsiccia tipica della cucina contadina che vedrà in lizza i macellai di Dicomano, del Mugello e della Valdisieve (San Godenzo, Londa, Rufina, Pelago e Pontassieve). Il Bardiccio per la precisione è una salsiccia preparata con gli scarti della lavorazione del maiale e del manzo (un tempo anche con abbondanti interiora e frattaglie) drogata con un mix di aromi.

La “Disfida del Bardiccio” (appuntamento per domenica 10 ottobre dalle ore 15 in piazza Buonamici) è organizzata dal Comune di Dicomano, in collaborazione con gli amici dell’Accademia Italiana del Bardiccio. Il primo classificato tra i produttori di Bardiccio si aggiudicherà il “Palio del Bardiccio” tela realizzata dall’artista Sandra Ferroni che potrà esporre nel proprio esercizio.

Per completare il piatto ogni produttore di Bardiccio abbinerà un vino del Consorzio Chianti Rufina.

Le regole della Disfida del Bardiccio di Dicomano

La quota di iscrizione è stabilita in € 30 da versarsi entro il 30 settembre tramite c/c postale n.30369508 intestato alla Tesoreria comunale, oppure con Bancomat presso lo Sportella al cittadino del comune di Dicomano, oppure direttamente in Banca alla Tesoreria comunale. In ogni caso nella causale dovrà essere specificato “Diritti di segreteria”.

 

Ciascun produttore di Bardiccio iscrivendosi al concorso indicherà lo chef che cucinerà il proprio piatto in quantità non inferiore ai 3 kg, dei quali 5 porzioni saranno destinate alla Giuria Tecnica, mentre le altre saranno distribuite tra il pubblico.
Lo chef indicato potrà essere un professionista o un cuoco dilettante appassionato di cucina che desidera cimentarsi nella preparazione di piatti a base di bardiccio.
E’ previsto un massimo di 10 produttori/salumifici partecipanti che dovranno presentarsi al concorso muniti di tutto l’occorrente per poter cucinare il piatto: ingredienti, piastre, pentole, mestoli, etc.
Gazebi, energia elettrica, stoviglie per servire i piatti creati, saranno fornite dal Comune organizzatore.
Il piatto da realizzarsi dovrà essere dichiarato all’iscrizione. Al momento della degustazione la ricetta dovrà presentare dosi, ingredienti, procedimento e specificare il produttore di Bardiccio, sia esso macelleria o salumificio, nonché il produttore di vino.
La Giuria tecnica sarà composta da cinque giurati i quali valuteranno in una scala da uno a 10, su apposite schede e a loro insindacabile giudizio:
• Aspetto visivo
• Profumo ed aroma
• Originalità della ricetta
• Gusto e sapore
• Utilizzo dei prodotti a KM0 o a filiera corta
• Importanza dell’ingrediente Bardiccio nella ricetta
• Miglior abbinamento vino/bardiccio

PUBBLICITÀ

Sarà vietato l’utilizzo di qualunque sostanza emulsionante, edulcorante, colorante, conservante o additivo chimico, nonché prodotti contenti qualsiasi traccia di OGM, di preparati e semilavorati di tipo industriale. Per ogni ulteriore informazione e/o delucidazione rivolgersi a: Serena Pinzani 3474401827

PUBBLICITÀ

 

© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register