Dicomano Rischio d’assembramento alle Poste-2

Dicomano: Rischio d’assembramento alle Poste

Condividi:
All’Ufficio postale di Dicomano rischio d’assembramento.

Le foto scattate sabato 9 gennaio 2021 all’esterno dell’ufficio postale di Dicomano sono eloquenti e più esaustive di molte parole. La situazione di entrambi gli uffici postali situati nel comune di Dicomano non è consona a quelle che sono le necessità in questa fase di pandemia (in particolare l’ufficio posto nel centro del paese) in particolare in termini di sicurezza. Chiediamo quindi che il Sindaco di Dicomano ponga al Prefetto anche le nostre problematiche, per far si che Poste Italiane trovi una soluzione, in termini logistici o di orari di apertura, per evitare problemi che sono sotto gli occhi di tutti”. Queste le parole di Giampaolo Giannelli, capogruppo del Centrodestra a Dicomano.

Il problema delle code all’esterno degli uffici postali sta diventando un problema generale, che mina la sicurezza dei cittadini, non garantendo il distanziamento adeguato tra gli utenti – precisa Giannelli.

Abbiamo denunciato più volte nei mesi scorsi situazioni con forti disagi come Barberino di Mugello, Rufina (quest’ultima per fortuna risolta) e Contea, con una pessima organizzazione del servizio di sanificazione e una organizzazione di apertura (solo mattina solo giorni dispari) sicuramente non confacente alle necessità.

Molti utenti – sottolinea l’esponente Azzurro – ci avevano indicato come anche la situazione di Dicomano, in particolare il sabato mattina, portasse a forti disagi, proprio perchè anche l’ufficio di Piazza Buonamici, come quello di Contea, è aperto solo al mattino, (fino alle 12.35) il che porta un afflusso di utenti copioso.

PUBBLICITÀ

Ecco quindi che abbiamo fatto le nostre verifiche fotografiche e come si vede la situazione crea effettivi problemi di assembramento.

Auspichiamo quindi – conclude Giannelli che il Sindaco di Dicomano segua l’esempio di altri amministratori locali  (l’ultimo in ordine di tempo è stato Piero Giunti, il Sindaco di Reggello) chiamando in causa il Prefetto Alessandra Guidi, affinchè si possa giungere a trovare soluzioni concordate con Poste Italiane per garantire un servizio efficiente in condizioni di tranquillità per gli utenti, talvolta costretti a lunghe attese in situazioni che creano rischi di assembramento”.

PUBBLICITÀ
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register