Giampaolo Giannelli (2)

Giannelli (FdI): “Conciliazione Paritetica? Ok, ma prima va presentato un reclamo”

Condividi:

Il responsabile provinciale trasporti di Fratelli d’Italia spiega come funziona la nuova procedura per i passeggeri del trasporto regionale di Trenitalia

 

 

 

 

Ieri avevamo pubblicato la notizia https://ilgallettomugello.com/pendolari-della-faentina-e-pontassieve-avete-piccole-controversie-con-trenitalia-il-link-per-risolverle-gratuitamente/. Questa mattina è arrivato un comunicato di Giampaolo Giannelli responsabile provinciale trasporti di Fratelli d’Italia che ha vuole precisare come funziona la nuova procedura per i passeggeri del trasporto regionale di Trenitalia: “È attiva dal 1° gennaio 2022 la Conciliazione Paritetica per i passeggeri del trasporto regionale di Trenitalia (Gruppo FS Italiane), strumento messo a punto insieme alle Associazioni dei Consumatori con l’obiettivo di risolvere le piccole controversie attraverso un sistema rapido, efficace e gratuito senza ricorrere alla giustizia ordinaria. L’estensione della Conciliazione Paritetica al trasporto regionale dopo l’attivazione nel trasporto a media e lunga percorrenza (Frecce e Intercity) è arrivato dopo una lunga fase di gestazione. Ma è bene spiegare un attimo di cosa si tratta e come funziona. La conciliazione paritetica, la cui domanda può essere fatta con apposito modulo che si trova on line sul sito di Trenitalia, permette una soluzione extragiudiziale alle eventuali controversie tra Trenitalia e i passeggeri, che possono avvalersi di questo strumento nel caso di una risposta ritenuta non soddisfacente o se non hanno ricevuto alcuna risposta nel termine di 30 giorni dalla presentazione del reclamo. Per aderire alla conciliazione paritetica si deve procedere in merito a reclami che indichino uno scostamento tra un impegno puntuale di Trenitalia, esplicitamente previsto nei documenti ufficiali (Condizioni di trasporto, informazioni commerciali disponibili sul sito Trenitalia, Carta dei servizi) e quanto effettivamente usufruito dal cliente. Ricordiamo che requisito essenziale per adire alla conciliazione paritetica è aver prima presentato un reclamo a Trenitalia. Nel form di domanda vanno allegati generalità complete, codice fiscale, recapiti, dati del viaggio, reclamo precedente, richieste avanzate ecc. Infine, come si conclude la procedura? La commissione, esaminati tutti gli elementi, valuta se sia possibile elaborare una proposta di negoziazione. La proposta elaborata dalla commissione di Conciliazione viene inviata per l’approvazione al cliente, il quale ha la facoltà di accettarla o di rifiutarla. La proposta della Commissione non può essere modificata dall’Ufficio di Conciliazione di Trenitalia. La Commissione di Conciliazione è composta da due Conciliatori, uno per l’Associazione dei Consumatori designata da colui che presenta il reclamo ed uno per Trenitalia”.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register