Gruppo consiliare Democratici per Borgo – Approvato ODG stop finanziamenti Italia Libia

Condividi:
I gruppi consiliari del Partito Democratico di Borgo San Lorenzo, Vicchio e Dicomano hanno approvato lo stesso ODG riguardante la sospensione dei finanziamenti da parte del Governo italiano alla Guardia Costiera Libica.

Un documento che rappresenta il punto di arrivo di un percorso condiviso con i gruppi consiliari del Partito Democratico di Borgo San Lorenzo, Vicchio di Mugello e Dicomano: i tre Comuni hanno infatti approvato nei mesi scorsi – per ultimo il consiglio comunale di Borgo San Lorenzo mercoledì 16 dicembre – lo stesso ODG riguardo la sospensione dei finanziamenti da parte del Governo italiano alla Guardia Costiera Libica.

Prendendo spunto dal voto favorevole del Parlamento italiano del 16 luglio, che ha prorogato automaticamente il Memorandum d’Intesa stipulato nel febbraio 2020 tra Italia e Libia, che rappresentava un tentativo di fermare i flussi migratori dal continente africano verso l’Europa, con questo documento si vuole prima di tutto chiedere con forza al Presidente della Repubblica, al Governo e al Parlamento italiano di sospendere i finanziamenti al governo libico riconosciuto dall’Unione Europea, ove questi vadano in ogni modo a ledere i diritti umani, insieme alla richiesta di desecretare la destinazione d’uso di suddetti fondi alla Guardia Costiera Libica, vertiginosamente aumentati da 3,6 milioni del 2017 ai 10 milioni previsti del 2020.

La Libia è infatti uno dei pochi Paesi rimasti a non aver ancora sottoscritto la Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati, stipulata nel 1951 e firmata da 144 Stati contraenti, che definisce il termine “rifugiato” e specifica tanto i diritti dei migranti forzati quanto gli obblighi legali degli Stati di proteggerli: non può quindi essere obbligata a prendersene cura. In Libia i richiedenti protezione e asilo sono degli illegali e in quanto tali sono internati nelle carceri e nei centri di detenzione secondo le leggi di questo stato sovrano, centri controllati proprio dalla Guardia Costiera Libica che il nostro Governo finanzia, formata nientemeno dagli stessi scafisti che lucrano sui migranti che scelgono la via del mare, diventando nel corso degli anni dei veri e propri lager di tortura e privazioni fisiche e psicologiche: per questo con questo documento i tre gruppi consiliari del PD di zona vogliono promuovere soprattutto un’integrazione che abbia come priorità il rispetto dei diritti inviolabili della persona, esemplificati dalla nostra Costituzione.

Un ODG politico”, dichiarano la relatrice e coordinatrice del gruppo di lavoro Irene Pieroni, consigliera di maggioranza dei Democratici per Borgo, Chiara Minozzi, capogruppo del Centrosinistra Uniti per Dicomano, e Francesco Tagliaferri, capogruppo del Centrosinistra per Vicchio: “L’abrogazione dei decreti Salvini di venerdì 19 dicembre è una chiara presa di posizione del nostro Partito, fortemente voluta dalla sua base elettorale; questo ODG compie un ulteriore passo avanti, dando un segnale ben preciso al Partito Democratico locale e nazionale, per continuare nella direzione di una chiara e netta revisione delle sue politiche in tema d’immigrazione, senza pregiudiziali o paure, all’interno e al di fuori del Governo, visto che alla proroga del Memorandum d’Intesa hanno votato contro solo 23 deputati di Leu e i dissidenti del Pd.

© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:

Scrivi un commento:

You don't have permission to register