Patrizia Cianferoni

La mugellana Patrizia Cianferoni nazionale di endurance equestre

Condividi:

Sabato 22 maggio Patrizia Cianferoni di San Piero a Sieve ha rappresentato l’Italia ai Mondiali di Endurance tenutisi a San Rossore. Purtroppo non ha potuto completare la gara poiché la sua cavalla, Quintana, a 120 km ha presentato una zoppia, sebbene non grave, e la commissione veterinaria ha imposto loro lo stop.

 

La squadra italiana non è arrivata a medaglia poiché su 5 componenti solo 2 hanno terminato la gara, ma Patrizia ha comunque vissuto un’esperienza formativa ed ha provato un grande onore nel rappresentare l’Italia. Le abbiamo chiesto di parlarci un po’ del suo percorso atletico e professionale.

 

Che cos’è l’endurance? Come mai ha scelto proprio questa disciplina?

 L’endurance è una disciplina equestre che consiste nel gareggiare su percorsi di campagna nel minor tempo possibile preservando il cavallo nella migliore condizione. Ad ogni conclusione di fase c’è un controllo veterinario (cosiddetto cancello veterinario) che abilita il cavallo a proseguire oppure no con la valutazione di parametri metabolici o zoppia del cavallo. Le gare ludiche percorrono da 30 a 60 km , le professionali da 60 a 160 km in un solo giorno in più fasi. Sono necessarie qualifiche dei cavalli e dei cavalieri ,ma in linea di massima in due anni si può arrivare alle gare professionali.

PUBBLICITÀ

Ho scelto questa disciplina per il rapporto che si instaura con il proprio cavallo: ci si trova a percorrere sentieri sconosciuti cercando di arrivare nella migliore condizione. E’ necessario conoscere bene il cavallo che può essere troppo o poco generoso, infatti nell’endurance è essenziale diventare un binomio: cavaliere e cavallo un tutt’uno , anche il team a terra è importante ed essenziale, infatti può essere di aiuto nei punti del percorso stabiliti dall’organizzazione e nella sosta del cavallo tra una fase e l’altra.

 

Qual è stato il suo percorso come atleta?

Ho iniziato nel 1992 con gare regionali qualificando la mia cavalla di allora fino a vincere il Campionato Regionale Toscano bella cat di KM.90 nel 1996,

Da allora a oggi ho cambiato più cavalli e concluso km 7500 (in tutto 107 gare) vincendone 5 a livello internazionale, ho partecipato a gare in Francia, Spagna, Emirati Arabi e Namibia.

 

Quali sono le prossime tappe in previsione per lei e Quintana?

Per la stagione in corso ho quattro cavalli in preparazione per le Gare internazionali e uno per le Nazionali, io e Quintana rimaniamo selezionati per la Squadra Italiana che parteciperà agli Europei in Olanda e quindi a breve riprenderemo la preparazione per partecipare agli stage di Selezione, e comunque per essere pronti ad una buona prestazione per eventi futuri.

 

(Intervista a cura di Margherita Di Pisa)

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register