LA NUOVISSIMA FORTEZZA DI SAN MARTINO

Condividi:

ULTIMO APPUNTAMENTO SABATO 03 OTTOBRE ORE 16.30 SUL RUOLO SOCIALE DEL MONUMENTO

Sta volgendo al termine la rassegna di incontri dedicati allo studio della Fortezza medicea di San Martino, promossa dall’Arch. Prof. Serena Acciai, con la collaborazione della Prof. Giuseppina Carla Romby e dell’antropologo Dario Nardini, con il patrocinio del Comune di Scarperia e San Piero.

Nelle tre iniziative già svoltesi sono state esaminate le premesse storico-architettoniche sulla base delle quali il valente ingegnere militare Baldassarre Lanci, coadiuvato poi da Simone Genga e Bernardo Buontalenti, si cimentò nella realizzazione di questa rocca difensiva, definita appunto nel titolo della rassegna come ‘nuovissima’ quanto a modernità di concepimento e realizzazione. In particolare, con l’ultimo evento del 19 settembre i partecipanti – accompagnati dal Prof. Francesco Collotti, docente presso il DIDA, Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, e da Serena Acciai – , hanno toccato con mano l’imponenza dell’opera, costruita seguendo il tracciato naturale delle curve di livello del colle scosceso che domina sull’intero Mugello.

Un’indagine pressoché completa di questo significativo monumento della nostra zona, inserito in un vero e proprio sistema di fortificazioni, del quale è emerso anche l’importanza di una riscoperta e di una valorizzazione.

PUBBLICITÀ

La disamina si completa e si conclude quindi sabato, 03 ottobre, presso il Salone Mediceo del Circolo ‘Insieme’ di San Piero a Sieve (attiguo alla Pieve di San Pietro), quando alle 16.30 Serena Acciai introdurrà il tema della ‘Fortezza abitata’, cui seguirà l’intervento di Dario Nardini, che ne indagherà i risvolti sociali.

La serata, fra l’altro, prenderà spunto dal racconto orale di una famiglia che vi ha abitato per trent’anni, e toccherà anche il tema della festa paesana ‘Palio della Fortezza’, iniziata nel 1993 e terminata dopo quattordici edizioni, il cui scopo era celebrare il forte e leggendario serpentone avvolto di mistero che… sembra si sia aggirato da sempre nei suoi paraggi: il Regolo.

Si sottolinea l’orario dell’inizio della serata, variato rispetto a quello menzionato nella prima versione della locandina (le 16.30 anziché le 21.00). Inoltre, per l’ingresso nel Salone Mediceo del Circolo Insieme, dove i posti saranno opportunamente distanziati, è obbligatorio l’uso della mascherina. L’organizzazione invita a partecipare chiunque sia interessato al tema e voglia approfondirlo insieme.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register