L’elzeviro di Pierone mugello

L’elezeviro dell’oste Pierone – A i’ governo fanno come i polli

Ma se si becchettassero meno e decidessero di più. Un ci si capisce più nulla: locchedaun sì, locchedaun no, Natale in un modo e capo d’anno in un altro, a Marradi non si mangia al ristorante e a Brisighella si sta con le gambe sotto i’ tavolo. Ma fossero d’accordo su qualcosa un è bastato nemmeno i’ Covid a mettergli d’accordo. Mi viene in mente quello che scriveva de’ polli che si beccavano mentre stavano pe’ tiragli i’ collo. Non mi ricordo come si chiama ma l’era uno famoso..

“Lascio poi pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe, a capo all’in giù, nella mano d’un uomo il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. Ora stendeva il braccio per collera, ora l’alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia, e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse, e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura”. 

© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986


Privacy Policy Cookie Policy
You don't have permission to register