L’Eolico si farà: 7 pale eoliche sul crinale appenninico

Condividi:

Lo ha stabilito la Conferenza dei Servizi Regionale. La Ballabio attacca e prepara il ricorso

 

 

 

L’esponente dell’ambientalismo mugellano, Piera Ballabio di Italia Nostra ha dato notizia attraverso un comunicato inviato agli organi di stampa: “La Conferenza dei Servizi della Regione Toscana ha espresso il definitivo parere favorevole alla realizzazione di 7 mega pale eolico sul nostro crinale appenninico. Un esito autorizzativo scontato”. Dunque l’eolico si farà. La Ballabio prosegue il suo comunicato esprimendo il suo disappunto, anche verso i sindaci di Vicchio e Dicomano, rispettivamente Filippo Carlà Campa e Stefano Passiatore: “Abbiamo più volte nelle nostre comunicazioni descritto i pesantissimi impatti legati alla realizzazione dell’impianto in un ambiente fragile, ambientalmente integro, paesaggisticamente magnifico. La conferenza dei servizi e l’inchiesta pubblica hanno palesemente messo in evidenza la sintonia tra regione e AGSM in totale disprezzo del parere negativo espresso dalla Soprintendenza e delle motivate osservazioni presentate dalle associazioni e da tanti cittadini. Siamo coscienti che la via alla realizzazione del progetto è stata spianata dai sindaci dei comuni di Vicchio e Dicomano accompagnati dal silenzio assordante della maggioranza che governa questa zona. Amministrazioni che addirittura hanno abdicato alla loro funzione istituzionale di guardiani del territorio di propria competenza, come palesemente emerso nella proposta di convenzione approvata di recente sulla vergognosa spartizione tra Vicchio e Dicomano delle compensazioni. Rimaniamo in attesa dell’atto politico della Giunta Regionale che immaginiamo non possa che essere favorevole all’ulteriore saccheggio del Mugello già provato in particolare dal gravissimo impatto sulla risorsa idrica procurato dalla TAV. Il crinale dell’Appennino è il nostro skylin e l’ambiente naturale la nostra vera ricchezza: intendiamo salvaguardare fino in fondo questi preziosi beni. Procederemo come già dichiarato con il ricorso al Tribunale Amministrativo contro la decisione della Regione. Chiediamo a chi condivide la nostra battaglia di partecipare alla raccolta fondi tramite: – Versamento sul conto corrente IBAN: IT31Q0103038160PREP70058921 Causale “Ricorso al TAR impianto eolico Monte Giogo di Villore” Intestatario: Carta 0103070058921 – Per un versamento di contanti è possibile rivolgersi a Fabio Fabiani cell. 3476935923 e al negozio CIVAIE di Vicchio, Via della Repubblica, 28 tel. 055 8448750 Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno già contribuito alla raccolta fondi. Per comunicazioni: salviamoicrinali@libero.it Italia Nostra Firenze, Club Alpino Italiano – Regione Toscana, Associazione Dicomanocheverrà, Associazione MugelloinMovimento, Comitato per la tutela del crinale mugellano, Associazione Atto primo Salute Ambiente Cultura”.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register