Valentino Rossi al Mugello

Motomondiale al Mugello. Una gara che dura da 24 anni

Condividi:

Valentino Rossi nell’agone del Motomondiale.

 

Domenica 30 maggio i piloti del Motomondiale tornano in pista al Mugello. Dopo la sosta forzata del 2020 quando il Covid imperversava, tutto è pronto per la partenza, nonostante che le misure contro il virus limitino la festa. Il Mugello è stato ricco di soddisfazioni per gli appassionati di moto, soprattutto per i tifosi di Valentino. Con i motori che rombano ripercorriamo le 24 gare che hanno portato su due ruote il Mugello in tutto il mondo.

Si svolse il 18 maggio 1997 sul circuito del Mugello e vide le vittorie di Mick Doohan su Honda nella classe 500, di Max Biaggi nella classe 250 e di Valentino Rossi nella classe 125.

E’ l’esordio di Valentino al Mugello, seppur nella classe cadetta, ma è subito sul podio più alto

Per la classe di minor cilindrata fu la 500ª prova dall’inaugurazione del motomondiale nell’edizione del 1949 e dal debutto avvenuto in occasione del Gran Premio motociclistico di Svizzera 1949.

 

 

La gara della 500 di questa classe è stata interrotta dopo 7 giri a causa della pioggia. La gara è ripartita per 16 giri, con la griglia di partenza determinata dall’ordine d’arrivo della prima parte.

Rossi debutta al Mugello nella 500 ma si ritira.

 

Valentino conquista il primo podio nella classe regina con la Honda. Sarà una serie ininterrotta di successi che renderanno indissolubile il legame tra Rossi e il Mugello

In occasione di questo Gran Premio, la Ducati presenta ufficialmente la Ducati Desmosedici, modello di motocicletta destinato a prender parte alle competizioni del motomondiale successivo in MotoGP

 

La gara della MotoGP è stata interrotta dopo 17 giri a causa della pioggia. La gara è ripartita per i restanti 6 giri

Quattro italiani davanti a tutti, in lotta tra loro per il podio senza esclusione di colpi. Si nota quanto Biaggi perdesse su Rossi al T1 ma soprattutto al T2, ad esclusione dei giri 7-9 durante i quali rimonta lo svantaggio e lo raggiunge. Si può ritrovare il momento in cui, alla staccata sul rettilineo finale dopo il 10. giro, Melandri passa Rossi e Biaggi. In fondo a destra, si ritrova il sorpasso di Capirossi su Melandri alla fine del penultimo giro.

 

Valentino Rossi Gauloises Yamaha Yamaha 23 42:42.994 1 25
2 3 Max Biaggi Repsol Honda Honda 23 +0.359 3 20
3 65 Loris Capirossi Ducati Marlboro Ducati 23 +3.874 6 16
4 33 Marco Melandri

 

 

 

 

 

 

 

1 Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing Yamaha
Valentino (Ducati) è sesto dietro a Marco Simoncelli

 

 

Valentino Rossi su Ducati  È sesto

 

Rossi su yamaha si ritira

 

  • Gran Premio motociclistico d’Italia 2014 è stata la sesta prova del motomondiale del 2014.

Le gare delle tre classi in competizione registrano le vittorie di: Marc Márquez in MotoGP, Esteve Rabat in Moto2 e Romano Fenati in Moto3. In occasione di questo fine settimana di gare, gli organizzatori del motomondiale hanno deciso di ritirare il numero di gara di Marco Simoncelli, in segno di rispetto verso il pilota deceduto a seguito di un incidente avvenuto al GP della Malesia del 2011.

PUBBLICITÀ

Rossi è 3 su yamaha

 

Nelle gare delle tre classi si sono imposti Jorge Lorenzo in MotoGP, Esteve Rabat in Moto2 e Miguel Oliveira in Moto3.  Lorenzo vince il terzo gran premio consecutivo dopo Spagna e Francia; al secondo posto giunge Andrea Iannone dopo esser partito dalla pole position (sua prima volta in questa classe) e al terzo posto Valentino Rossi. Si ritirano Marc Márquez e Andrea Dovizioso. Nella classifica della stagione, a questo punto, Rossi è primo con 118 punti, secondo Lorenzo con 112 punti, terzo Dovizioso con 83 punti, quarto Iannone con 81 punti e quinto Marquez con 69 punti.

 

Nelle gare delle tre classi si sono imposti Jorge Lorenzo in MotoGP, Johann Zarco in Moto2 e Brad Binder in Moto3. La gara della classe regina si è decisa al fotofinish: sulla linea del traguardo Jorge Lorenzo è riuscito a sopravanzare Marc Márquez di 19 millesimi di secondo. Al terzo posto è invece giunto Andrea Iannone. Viene ricordato anche il ritiro di Valentino Rossi dovuto ad un guasto meccanico al propulsore; erano quasi 9 anni che non veniva fermato in gara da problemi meccanici.

In classifica generale Lorenzo raddoppia il suo vantaggio su Márquez, portandolo ora a 10 punti; Rossi che è terzo si trova staccato di 37 punti[1].

  • Gran Premio motociclistico d’Italia 2017 è stato la sesta prova del motomondiale del 2017. Si tratta della 69ª edizione corsa nel contesto del campionato iridato.

Nelle gare delle tre classi i risultati hanno visto vincere: Andrea Migno in Moto3, Mattia Pasini in Moto2 e Andrea Dovizioso in MotoGP.  Prima vittoria stagionale per la Ducati di Andrea Dovizioso, con quest’ultimo che ottiene così la personale dodicesima vittoria della sua carriera nel motomondiale, terza in MotoGP. Seguono il pilota italiano, Maverick Viñales su Yamaha YZR-M1 del team Movistar Yamaha, con Danilo Petrucci terzo con la Ducati Desmosedici del team OCTO Pramac Racing. Nel mondiale piloti, la situazione al termine di questa gara è la seguente: Viñales primo con 105 punti, Dovizioso che sale al secondo posto con 79 punti, con Valentino Rossi (quarto in questa gara) che scende al terzo posto con 75 punti.

 

Le tre classi hanno visto le vittorie di Jorge Martín in Moto3, Miguel Oliveira in Moto2 e Jorge Lorenzo in MotoGP. Jorge Lorenzo coglie la sua prima vittoria dall’approdo in Ducati Corse, precedendo all’arrivo il compagno di squadra Andrea Dovizioso e Valentino Rossi su Yamaha YZR-M1 che era partito dalla pole position. Il capoclassifica provvisorio del campionato, lo spagnolo Marc Márquez, è incorso in una caduta; pur riuscendo a ripartire ha chiuso al sedicesimo posto, non ottenendo punti. In questo modo il suo vantaggio in classifica si è ridotto e ora precede Rossi di 23 punti e Maverick Viñales di 28 punti

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register