PUBBLICITÀ

Twitter feed

It seams that you haven't connected with your Twitter account
Viaggiatore Esasperato per ritardo treno (2)

Mugello – Ancora disservizi sui treni, Omoboni-Triberti-Ignesti: “Ora basta”

Condividi:

Lettera congiunta del sindaco di Borgo San Lorenzo, di Marradi e di Scarperia e San Piero: “Ci rivolgiamo alla Regione e a Trenitalia: chi viaggia deve essere tempestivamente informato di ogni notizia utile”

 

Il Mugello si unisce e alza la voce. La questione trasporti nelle ultime settimane non è stata risolta e i viaggiatori sono esasperati. Così il sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni, il sindaco di Marradi, Tommaso Triberti e il sindaco di Scarperia e San Piero, Federico Ignesti hanno voluto rivolgere un appello alla Regione Toscana e a Trenitalia perché la soluzione a questi problemi non può essere più rinviata.

PUBBLICITÀ

 

La presa di posizione forte segue i disagi che ancora continuano a verificarsi sulla tratta e che Omoboni, Ignesti e Triberti hanno più volte segnalato a Regione Trenitalia anche con lettere e richieste precise di verifiche e implementazione di servizi e comunicazioni. Nelle scorse settimane si sono svolti incontri per chiarire le criticità estive emerse a seguito dell’usura anomala delle ruote di alcuni convogli e in tali occasioni era stato assicurato, con la ripartenza dell’anno scolastico, un ritorno alla regolarità sia in termini di mezzi che di tempi di percorrenza. I Sindaci precisano che al di là dell’emergenza delle ultime ore dovuta a verifiche su una segnalazione per fuga di gas, anche nei giorni scorsi sono state registrate numerose criticità e di queste chiedono a Regione e Trenitalia i motivi. Attenzione è in particolare chiesta anche riguardo alle modalità di informazione che vengono fornite a chi usufruisce del servizio. Chi prende il treno deve essere tempestivamente informato di ritardi, cancellazioni, sostituzioni con altri mezzi e ogni notizia utile. Per i tre primi cittadini è fondamentale che Regione e Trenitalia comprendano come un servizio che in altri luoghi è l’alternativa migliore per gli spostamenti, in zone di montagna spesso è l’unica opportunità per muoversi in direzione del posto di studio e di lavoro. Ribadiscono anche come sia inutile parlare di lotta allo spopolamento dei territori montani e più distanti dal centro della città se poi non vengono garantiti servizi per la mobilità efficienti. Le distinzioni tra linee per pendolari e linee turistiche, dato che l’obiettivo è quello di avere un servizio funzionante in modo da dare risposte sia ai residenti che ai turisti, per i Sindaci non ha alcun senso e concludono ribadendo come in merito alle prospettive sulla linea siano sempre stati promotori della trasformazione della Linea Faentina in linea ad idrogeno, ma precisano come questo non può e non deve essere un alibi per nascondere i disagi odierni e per rinviare ogni tipo di intervento”.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register