Una donna alla Guida della Misericordia di San Piero a Sieve

Condividi:
Lunedì 1° Marzo è stata eletta alla guida della Misericordia di San Piero a Sieve, Donatella Panchetti.

 

Lunedì 1° Marzo, presso la sede della Misericordia di San Piero, si è riunito il primo Consiglio Direttivo, dopo le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali.

Dei nove eletti che compongono il Magistrato, sette sono nuovi consiglieri, due riconfermati.

Donatella Panchetti all’unanimità  è stata nominata Governatore. Per la prima volta nella secolare storia  della Confraternita, istituita nel 1750, una donna ricopre un così alto incarico istituzionale. Un segno di  rinnovamento, ma soprattutto di stima , un’attenzione all’universo femminile, verso le donne,  che da sempre sono  impegnate nel mondo del volontariato e che, anche in questo difficile periodo della pandemia si sono rese indispensabili nel portare assistenza  e soccorso.

Completano la sfera  rosa altre due signore: Gabriella Gabbrielli  consigliere incaricata alla formazione dei volontari e responsabile dei giovani  del servizio civile, Fiorenza Lazzerini, consigliere responsabile alle onoranze funebri e abbigliamento volontari.

Il nuovo Vice Governatore  è Sandro Bettini, mentre Tesoriere è Roberto Bettini, entrambi  portano lo stesso cognome, ma non sono fratelli!

La funzione di segretario è svolta da Paolo Nardini .

Ispettore ai servizi e responsabile  volontari è il consigliere Giuseppe Litro, mentre Valerio Lascialfari consigliere  addetto automezzi, assicurazioni e referente con il gruppo donatori di sangue Fratres. Alessandro Chiesi è responsabile adempimenti fiscali e rapporti Confederazione.

Don Daniele Centorbi,  giovane, ma ben preparato Parroco della Parrocchia di San Piero,   è il Correttore.

PUBBLICITÀ

Il lavoro da svolgere è impegnativo, vista la mole organizzativa dei molti settori in cui opera la Misericordia, così ogni componente  del Magistrato oltre agli incarichi elencati ne ha qualcuno in più ! Allora cosa dire, se non augurare buon lavoro con la oramai nota frase “Che Iddio Ve ne renda Merito”. La stessa espressione va a tutti i Componenti del Magistrato uscente per l’impegno dimostrato.

PUBBLICITÀ
© Il Galletto Notizie del Mugello e della Val di Sieve dal 1986
Condividi:
PUBBLICITÀ

Scrivi un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cookie Policy
You don't have permission to register